Responsive image
Nicla Sguotti

Il mulino di Rottanova

Fuori Collana
2015, pp. 96, 15x21 cm, brossura

ISBN: 9788899479008
€ 10,00 -5% € 9,50
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 9,50
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

Il mulino sull’Adige rimase attivo a Rottanova fino ai primi anni ’70, era l’ultimo di una vera e propria flotta di macinatoi galleggianti che nel corso dei secoli sfruttarono la corrente del fiume per trasformare in farina grano e mais. Si stima che i mulini fossero qualche centinaio fino al pieno Novecento, popolavano le rive dell’Adige da Verona a Cavarzere e il loro numero era proporzionale alla popolazione. Spesso si spostavano lungo il fiume anche di qualche chilometro, i mugnai cercavano zone meno pericolose prima dell’arrivo dei periodi più freddi, particolarmente ostili al mulino per le lastre di ghiaccio trasportate dall’Adige, capaci di trascinar via il mulino e quindi di distruggerlo. Al contrario, con la bella stagione, il mulino veniva portato nei punti di maggior corrente, per sfruttare al meglio la forza motrice e macinare così più in fretta. La storia dei mulini sull’Adige si andò esaurendo con l’arrivo della corrente elettrica e il graduale abbandono delle rive del fiume per i più confortevoli e funzionali mulini di terra. Era rimasto in funzione, quasi incurante del mondo ormai mutato, il mulino di Rottanova ma è arrivata anche per lui una fine, in qualche modo annunciata e ancora oggi immersa in quell’aura di mistero tipica delle più belle favole.

Autore

Nicla Sguotti

Nicla Sguotti si è laureata con il massimo dei voti in Lettere all’Università di Padova, indirizzo Storia della musica moderna e contemporanea, con una tesi su Tullio Serafin, da cui è nato ”Tullio Serafin, il custode del bel canto” (Armelin Musica, Padova, 2014). Collabora come musicologa con enti culturali e riviste specializzate, ha al suo attivo la presentazione di eventi in luoghi prestigiosi, al fianco di noti artisti del panorama operistico internazionale. Dedica attenzione anche alla storia veneta, ha pubblicato “Il faro della speranza” con Manuela Sgobbi (2011) e “Il mulino di Rottanova” (Apogeo Editore, Adria, 2015). Insegna presso le scuole secondarie di I e II grado della provincia di Rovigo, è giornalista pubblicista e scrive per diverse testate. È Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana.