Responsive image
Aldo Rondina

Una città sull'acqua

Nel solco delle antiche tradizioni marinare adriesi

Le Radici, n. 25
2017, pp. 112, ill., b/n, 15x21 cm, brossura

ISBN: 9788899479138
€ 15,00 -15% € 12,75
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 12,75
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

Per il territorio del Polesine è sempre stato essenziale il rapporto con l’acqua e con il mare. La rete di fiumi e canali di cui questo lembo di terra abbonda fu spesso motivo di grandi preoccupazioni per i suoi abitanti, ma costituì anche una grande risorsa per i commerci e le relazioni con altri popoli. Specialmente nei periodi più difficili della storia, quando le strade erano impraticabili o non esistevano affatto, il trasporto sull’acqua consentì il normale svolgimento dei processi commerciali, preservando l’economia locale dal danno di eventuali ricadute negative. Pensiamo ad esempio ai traffici fluviali in corso all’epoca della Serenissima e, avvicinandoci ancor più all’epoca attuale, pensiamo alla seconda metà del 1800, quando ancora non erano state diffuse le ferrovie, i fiumi si attraversavano con mezzi di fortuna in assenza di ponti e le strade di collegamento tra le città della Penisola erano piuttosto carenti. Questo stato di cose si protrasse ancora per i primi decenni del Novecento. In quelle situazioni, canali e fiumi svolsero un ruolo di sostegno di grande rilievo per l’economia locale. Con un po’ di buona volontà quel ruolo potrebbe ancor oggi essere assolto dai corsi d’acqua che attraversano longitudinalmente il territorio polesano, solo che potesse essere avviata una seria ed impegnativa campagna di valorizzazione delle vie fluviali. All’uso commerciale del trasporto fluviale, strumento indispensabile per l’abbattimento dei costi delle merci, potrebbe affiancarsi un adeguato uso turistico del mezzo nautico, a tutto vantaggio della nostra debole economia. Questo lavoro nasce proprio dalla convinzione che in quest’area esistono notevoli potenzialità di sviluppo: basta solo trovare il modo per poterle utilizzare adeguatamente. Al di là di una semplice raccolta di testimonianze riguardanti la storia millenaria del Delta e del suo rapporto con l’acqua, questa ricerca si pone come stimolo per tutti coloro che hanno a cuore le sorti di questa “terra tra i fiumi”.

Autore

Aldo Rondina

Aldo Rondina è nato ad Adria nel 1937. Già dirigente bancario, si occupa da sempre di storia locale. Giornalista pubblicista, è iscritto all’Albo dal 1985. Dal 1960 è corrispondente per Adria de “La Settimana”, settimanale della Diocesi di Adria-Rovigo. Collabora a riviste e periodici locali con articoli di carattere storico riguardanti l’ambiente polesano. Ha pubblicato, ottenendo buoni riconoscimenti, numerosi volumi sulla storia del Polesine, tra i quali, con Apogeo Editore: “I Conti Vescovi del Polesine”, 2005, “L’ultimo Interdetto”, 2007, “Storia di una devozione”, 2008, “Adria. La Città, le sue vie, la sua storia”, 2009, “La Croce Verde di Adria 1911– 2011. Un secolo di solidarietà laica”, 2012, “Il Convento racconta. Cronaca della Parrocchia Santa Maria Assunta della Tomba di Adria - 1 gennaio 1940 - 23 giugno 1952”, 2013, "Maria Regina del Santo Rosario. Le Feste quinquennali del Rosario negli atti dell'archivio capitolare della Cattedrale di Adria”, 2013, "Giovanni Marinelli. Una carriera nell'ombra del regime", 2014.

Eventi

Ragionare sul futuro del nostro territorio

Adria - 09 Giugno dalle 18:00 alle 20:00
Teatro Ferrini, Piazzetta Casellati

In occasione della presentazione ad Adria del nuovo libro di Aldo Rondina "Una città sull'acqua"

Adria è "Una città sull'acqua"

Adria - 25 Maggio dalle 16:30 alle 18:30
Cada, Piazzetta Casellati

Le antiche tradizioni marinare adriesi in anteprima al Cada di Adria