Responsive image
Gabriella Imperatori

Ballata per eroi senza nome

La grande fuga delle trote inglesi, n. 7
2017, pp. 244, b/n, 15x21 cm

ISBN: 9788899479251
€ 15,00 -15% € 12,75
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 12,75
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

C’è il nanetto Igor che vuole andare in America anche se non sa dov’è e la donna che, in un’ora di disperazione, trova in una piccina abbandonata il coraggio per una rinascita. C’è un giovane parricida che si sentiva disamato e una studentessa che capisce come, per salvarsi la vita, occorre contare solo su sé stessa. C’è una bimba molto brutta ma molto amata e tanti altri tipi umani usciti dalle cronache o dalla fantasia dell’autrice. Oltre che una raccolta di racconti, queste short tales costituiscono una sorta di ballata, in cui piccoli eroi di ieri e di oggi, senza nome ma non senza storia, intrecciano le loro vite, i sentimenti, gli errori e i sogni in una specie di comunità legata da unità di luogo. Uomini e donne qualsiasi e però indimenticabili, descritti sempre con comprensione e ironia. Delusione esperanza si alternano in molte di queste vite, in cui, come in tutte le vicende umane, manca sempre qualcosa per essere felici e, quasi senza saperlo, si muore un po’ ogni giorno.

Autore

Gabriella Imperatori

Gabriella Imperatori è nata a Venezia e vive a Padova dove si è laureata in lettere classiche e ha insegnato oltre vent’anni. Ha collaborato con quotidiani e periodici regionali e nazionali e con la Rai. Attualmente dirige il trimestrale Leggere donna ed è opinionista del Corriere del Veneto. Ha pubblicato, oltre a interventi saggistici e narrativi in varie antologie, un libro di conversazioni critiche con scrittori del Triveneto (Profondo Nord, Nord-Est/Garzanti 1988), il saggio Il cittadino protagonista, commissionato dal Comune di Padova (1995), i romanzi Bionda era e bella (Rusconi 1990), Questa è la terra, non ancora il cielo, con Gloria Spessotto (Tufani, 1998), e con Marsilio Portami via con te (2000), Trilogia dei baci (2004) e L’onda anomala (2013). Ha vinto numerosi premi di narrativa e giornalismo.

Recensioni
Francesca Visentin, Corriere del Veneto, 25/11/2017

Quelle storie degli eroi senza nome